Archivi del mese: giugno 2011

Radici estroflesse…

“…L’uomo cammina per giornate tra gli alberi e le pietre. Raramente l’occhio si ferma su una cosa, ed è quando l’ha riconosciuta per il segno di un’altra cosa: un’impronta sulla sabbia indica il passaggio della tigre, un pantano annuncia una vena d’acqua,il fiore dell’ibisco la fine dell’inverno. Tutto il resto è muto ed intercambiabile; alberi e pietre sono ciò che sono…”

Italo Calvino, Le città invisibili

 

“…Si diventa anche ciò che si pensa. Il pensiero non è ma completo se non trova espressione e limite nell’azione. E’ soltanto quando c’è perfetto accordo tra le due cose che c’è piena vita naturale…” Gandhi

 

Annunci